N.7 November 2013

Ospiti in esclusiva di questo volume sono Hans Joas, sociologo tedesco di fama internazionale, e John McDowell, autore del celebre volume Mind and World, qui per noi intervistati. Apre la sezione dei saggi il contributo di Mario De Caro, il quale discute a grandi linee del modo in cui la modernità, a cominciare dal Seicento, abbia concepito le categorie dell’agire. Segue la riflessione di Jennifer Frey, che stila una sintetica storia della filosofia analitica dell’azione. Sempre in ambito di storia della filosofia si colloca la riflessione di Alessandro Ghisalberti, Andrea Nannini ed Ernesto Dezza, i quali elaborano un’originale analisi sul tema dell’azione a partire dalla riflessione di Duns Scoto. Martina Galvani, nel suo saggio, riprende la riflessione di Maurice Blondel, tra i principali promotori della filosofia dell’azione nella Francia di fine Ottocento-inizio novecento. Nella prospettiva di Alejandro Llano il tema dell’azione è analizzato nell’etica; contro l’oggettivismo positivista, l’autore afferma che non può darsi filosofia senza cultura. Il saggio di Danielle Lories invece punta l’attenzione sulla phronesis, quale chiave di lettura dell’etica di Aristotele. Chiude la sezione dei saggi il contributo di Francesca R. Recchia Luciani, la quale propone uno studio dell’azione attraverso la riflessione di Wittgenstein, Weber Wynch. Ricca è infine la sezione delle cronache a convegni e recensioni di testi di recente pubblicazione.

INDEX

Editoriale, di Elisa Grimi.

Intervista a Hans Joas, a cura di Rosa Lanzafame.

Intervista a John H. McDowell, a cura di Marco Bastianelli.

 

Saggi

Mario De Caro, Modernità e azione.

Jennifer Frey, Analytic Philosophy of Action: a Very Brief History.

Alessandro Ghisalberti – Andrea Nannini – Ernesto Dezza, Azione, univocità e infinità. Strutturazione metafisica del reale in Duns Scoto.